Dott. Giuseppe Santeufemia

Dott. Giuseppe Santeufemia

Specialista in Ostetricia e Ginecologia

Visite su appuntamento
+39 338 1267006
giuseppesanteufemia@tiscali.it

Dott.ssa Stefania Santeufemia

Dott.ssa Stefania Santeufemia

Specialista in Ostetricia e Ginecologia

Visite su appuntamento
+39 333 4015642
stefaniasanteufemia@yahoo.it

Alta professionalità e umanizzazione delle prestazioni sanitarie

Lo Studio Specialistico Santeufemia, già avviato ed apprezzato centro privato del Sulcis Iglesiente, nel campo della prevenzione, diagnosi e cura delle malattie ginecologiche ed ostetriche, si rinnova, all’insegna della tecnologia più all’avanguardia, per offrire alle sue pazienti i più alti standard di soddisfazione con il Laser Erbium:YAG, laser medico-estetico di ultima generazione. L’introduzione della tecnologia laser in ambito ginecologico, estetico e dermatologico aggiungono servizi di medicina estetica ad alta specializzazione nell’ambito del Medical Laser.

Sono possibili due nuove tipologie di trattamento ambulatoriale:

In campo ginecologico

Laser Vaginal Rejuvenation – ripristino funzionale della vagina e del perineo, atrofia e rilassamento delle pareti vaginali, incontinenza urinaria.

In campo estetico medicale

Asportazione di lesioni benigne della cute, trattamento di cicatrici chirurgiche e da trauma, rimozione macchie del viso, dermopatie pigmentate, inestetismi cicatriziali post-acneici e inoltre é particolarmente indicato per ridurre le rughe a coloro che vogliono combattere i segni dell’età, attraverso un trattamento di fotoringiovanimento della pelle e del viso.

LASER IN CAMPO GINECOLOGICO

  • Trattamento Laser nell’atrofia vulvo-vaginale in menopausa
  • Ripristino funzionale della vagina, della vulva e del perineo
  • Trattamento Laser del prolasso vaginale
  • Trattamento dell’incontinenza urinaria da sforzo
  • Rimozione condilomi

LASER IN CAMPO ESTETICO E DERMATOLOGICO

  • Fotoringiovanimento lifting viso
  • Rughe
  • Rimozione macchie cutanee
  • Rimozione lesioni e neoformazioni cutanee
  • Rimozione cicatrici
  • Trattamento delle cicatrici d’acne
  • Rimozione smagliature
  • Visite Ostetriche
  • Visite Ginecologiche
  • Visite e Consulenze endometriosi
  • Visite uroginecologiche:
    – incontinenza urinaria
    – prolassi pavimento pelvico
  • Visite e consulenze menopausa
  • Ecografie ostetriche:
    – transvaginali
    – transaddominali
  • Ecografie ostetriche morfologiche 4 D
  • Ecografie ginecologiche
    – transvaginali
    – transaddominali

Che cos’è il THINPrep (PAP test)

Il test di Papanicolaou, detto PAP TEST è un esame citologico che indaga le alterazioni delle cellule del collo e della cervice dell’utero. E’ un test di screening la cui funzione principale è quella di individuare nella popolazione femminile il rischio di sviluppare un cancro del collo uterino. Inoltre permette il riconoscimento di infezioni batteriche, virali o micotiche. Per l’esecuzione del PAP Test viene prelevata una piccola quantità di tessuto dal collo dell’utero. Nel pap test tradizionale le cellule prelevate vengono strisciate sul vetrino per l’esame microscopico. Il preparato risulta però sempre multistrato perchè le cellule si aggregano disordinatamente tra loro. Nel PAP Test in fase liquida, invece, una macchina provvede ad allestire un preparato a “strato sottile”.


La metodica THINPrep appartiene a quest’ultima categoria di PAP Test e consente, quindi, rispetto al metodo tradizionale, di avere i seguenti vantaggi:

  • Ottimizzazione del campione
  • Processazione automatica del materiale citologico
  • Riduzione fino al 93% dei prelievi giudicati non soddisfacenti o limitati da tracce di sangue, muco o frammenti
  • Migliore sensibilità diagnostica e significativa riduzione dei casi di diagnosi incerta che possono allertare inutilmente la paziente
  • Individuazione delle lesioni di basso o di alto grado
  • Individuazione delle lesioni ghiandolari
  • Possibilità di conservare il campione in fase liquida per poterlo riutilizzare per eventuali analisi di approfondimento senza dover ricorrere ad un nuovo prelievo

La combinazione del THIN PREP e del test HPV consente di identificare in maniera semplice e precoce le infezioni da HPV e le neoplasie cervicali. Grazie all’utilizzo di tecniche di biologia molecolare, sullo stesso campione citologico utilizzato per il THIN PREP, si esegue un test di screening per evidenziare la positività o la negatività all’HPV. Sui campioni risultati positivi verrà poi eseguita un’analisi di genotipizzazione per discriminare i ceppi virali di HPV ad alto rischio da quelli a basso rischio. E’ quindi possibile identificare l’infezione con largo anticipo, prima che questa provochi alterazioni o danni cellulari. E’ stato dimostrato che le pazienti con il THIN PREP negativo e con il test HPV negativo hanno il 99% delle possibilità di non sviluppare tumori al collo dell’utero per i successivi cinque anni.


Esito entro 7 / 10 giorni

ARTICOLI

Rilassamento vaginale post partum

Dopo il parto, soprattutto se avvenuto in età più avanzata, la donna può riscontrare delle problematiche. Oggi c’è una nuova terapia non invasiva e indolore: il Laser

Il parto rappresenta per la donna un momento bellissimo, ricco di emozioni e di gioia. Uno dei problemi che può insorgere dopo il parto è legato al rilassamento delle strutture del pavimento pelvico, la vagina si dilata, perde forza e tono, anche in considerazione del fatto che il 30% circa delle nascite viene da madri che hanno un’età compresa tra i 30 e i 40 anni e il 5% da madri over 40. Le neomamme più mature hanno un più elevato rischio di riscontrare problematiche post partum a causa di un collagene, presente nei tessuti pelvici, più “anziano” e che quindi si rimodella con più difficoltà. Il parto naturale può causare una modificazione temporanea o addirittura permanente delle strutture e dei tessuti vaginali, che, al passaggio del nascituro, subiscono un forte stress. I muscoli ed i tessuti che si trovano nella zona pelvica possono quindi rimanere lassi, perdendo la propria elasticità e tonicità originarie. Questa condizione é causa della sindrome del rilassamento vaginale che può permanere anche diversi mesi dopo il parto, consiste in una vera e propria dilatazione del canale vaginale (wide vagina) che influisce negativamente soprattutto sulla vita sessuale.

Gli interventi di chirurgia estetica sono cresciuti di popolarità in tutto il mondo. Tuttavia le donne sono restie a parlare dei loro problemi connessi per esempio al rilassamento vaginale, all’allargamento o irregolarità delle labbra vaginali e alla perdita della gratificazione sessuale. La ginnastica perineale (con esercizi specifici che devono essere eseguiti in maniera prolungata se non continuativa) non sempre è efficace. Oggi, per le donne che soffrono di disfunzioni post-partum, c’è la possibilità di ottenere un vero e proprio ripristino funzionale delle strutture vaginali grazie al Laser Fotona.

 


Ripristino funzionale della vagina, della vulva e del perineo con laser Er:YAG Fotona

L’impiego del laser nei trattamenti per il ripristino funzionale della vagina rappresenta una terapia nuova non invasiva basata sul restringimento e ridimensionamento fototermico della fascia endopelvica e del tessuto del pavimento pelvico. L’energia laser proveniente da un laser Er:YAG viene distribuita sulle aree della vagina per mezzo di speciali manipoli. Una volta attivato, il laser deposita energia termica nel tessuto della mucosa vaginale provocando un rimodellamento del collagene, un ridimensionamento della fascia endopelvica e del tessuto del pavimento pelvico in grado di ripristinare la normale ampiezza della vagina e produrre un ringiovanimento vaginale, vulvare e perineale. I trattamenti, generalmente in numero di 2 o 3, sono ambulatoriali, privi di rischi in quanto il laser erbium non causa tagli o necrosi dei tessuti. Il tempo di recupero è molto breve e dopo 2 o 3 giorni la paziente può riprendere la normale attività sessuale. Presentano inoltre una percentuale di complicanze molto bassa, sono ben tollerati e producono risultati positivi in gran parte delle pazienti.

Prolasso vaginale

Il sintomo più comune è la sensazione di qualcosa che scende verso il basso

All’inizio può capitare di pensare al peggio, la paziente nota un qualcosa che fuoriesce dalla rima vulvare il più delle volte causa di pesantezza e teme possa trattarsi di una patologia sospetta. Nella maggior parte dei casi la diagnosi è invece quella di un prolasso di uno degli organi pelvici, che la muscolatura indebolita non riesce più a sostenere. Il prolasso è infatti un abbassamento, rispetto alla posizione normale, degli organi pelvici. I parti distocici, la stipsi cronica e il normale processo di invecchiamento (carenza ormonale in menopausa) possono indebolire il pavimento pelvico con conseguente discesa degli organi che vi stanno sopra. Il sintomo più comune è la sensazione di qualcosa che scende verso il basso


Tipi e gradi del prolasso:

Esistono diversi tipi di prolasso a seconda dell’organo interessato: cistocele se l’organo prolassato è la vescica, isterocele se interessa l’utero, rettocele se la parte coinvolta è il retto ed infine prolasso utero vaginale se sono coinvolti utero e vagina.Si distinguono 4 gradi di prolasso a seconda del livello dell’organo prolassato rispetto al canale vaginale .


Trattamento chirurgico del prolasso

Lo scopo del trattamento chirurgico del prolasso vaginale è quello di migliorare la qualità di vita della donna con l’obiettivo di alleviare la sintomatologia e di ricostruire l’anatomia al fine di garantire la regolare funzionalità del pavimento pelvico e un risultato duraturo nel tempo.

Diversi sono stati negli anni i trattamenti chirurgici proposti, tutti finalizzati alla ricostruzione delle strutture di sostegno degli organi interessati e accanto alle tecniche tradizionali (chirurgia fasciale) si sono diffuse negli ultimi anni tecniche di nuova generazione che prevedono l’utilizzo di protesi (reti) sintetiche al fine di garantire risultati soddisfacenti e duraturi.


Trattamenti alternativi alla chirurgia

Tra i trattamenti alternativi alla chirurgia proponibili alla donna, per la correzione del prolasso uterino, ricordiamo il pessario vaginale, anello di gomma, che viene collocato in vagina tra il fornice vaginale posteriore e l’osso pubico per sostenere verso l’alto l’utero. E’ indicato nelle donne anziane, che soffrono di gravi patologie tali da rendere controindicato ogni trattamento chirurgico.

Per la correzione di un prolasso di grado lieve-medio associato ad incontinenza urinaria, in particolare nella donna giovane, l’alternativa all’intervento è rappresentata dalla riabilitazione perineale, che comprende la chinesiterapia, il biofeedback, l’elettrostimolazione ed infine il trattamento laser, recente novità per le donne che presentano perdita di funzionalità del pavimento pelvico.


Come opera il laser?

Il laser vaginale ripristina il collagene e la vascolarizzazione vaginale aumentandone il tono muscolare, la forza e il controllo volontario della muscolatura della vagina. L’azione della terapia laser è indicata quando il trattamento chirurgico può sembrare inizialmente eccessivo, e cioè nei casi di descensus e di incontinenza urinaria da stress di grado lieve e moderata, in cui la ginnastica perineale non ha funzionato. La procedura si basa su una stimolazione foto-termica di nuova sintesi di collagene, con un consolidamento delle strutture della vagina e della fascia endopelvica. Il risultato finale è che l’organo genitale femminile recupera la sua struttura originaria e la donna, già dal primo trattamento, comincia a notare i primi giovamenti e recupera il senso di benessere. La procedura viene eseguita in ambulatorio, è indolore, ha la durata massima di 30/40 minuti e sono consigliati almeno 3 trattamenti a distanza di circa 30 giorni.

Condividi: